Vecchio Amaro del Capo: eccellenza italiana tutta ‘Made in Calabria’

Vecchio Amaro del Capo: eccellenza italiana tutta ‘Made in Calabria’

620
0
CONDIVIDI

Finalmente, dopo i bagordi natalizi, le nostre mascelle possono rallentare e riposarsi prima del rush finale di Capodanno. (Non so voi, ma noi abbiamo fatto piuttosto schifo)

Panettoni, dolci, manicaretti della nonna, crispi, panzerotti e chi più ne ha, più ne metta. Un continuo alzarsi e sedersi da tavola che metterebbe in ginocchio anche il più palestrato e dunque abituato a fare gli scout in palestra. Il condizionale è d’obbligo poichè il TerroneNato è addestrato fin dalla nascita a devastarsi durante le feste. Addestramento più un piccolo segreto tramandato da padre in figlio.

Siete curiosi? Volete sapere qual è? Va be…dai è Natale e siamo tutti più buoni.

Il nostro segreto è un bicchierino di Vecchio Amaro del Capo post-battaglia. Il giusto riposo del guerriero prima di rimettere l’armatura.

Lo conoscete? No? Male anzi malissimo…

Il Vecchio Amaro del Capo è un prodotto simbolo della nostra Calabria. Un liquore di erbe autoctone, frutto di un’antica ricetta magistralmente rielaborata e migliorata dall’esperienza acquisita dalle quattro generazioni della famiglia Caffo.

Il Vecchio Amaro del Capo racchiude in sé i principi attivi di tante benefiche erbe, fiori, frutti e radici della nostra generosa terra di Calabria, infusi in finissimo alcool, per aiutare la digestione e dare una gradevole sensazione di benessere. Tra le 29 erbe officinali che compongono l’infuso ne ricordiamo, per le loro proprietà tonico-digestive, alcune molto diffuse in Calabria come l’arancio amaro, l’arancio dolce, la liquirizia, il mandarino, la camomilla e il ginepro.

Il suo gusto gentile ed aromatico ben si adatta anche ai palati più delicati e ricordiamo che come vuole la migliore tradizione calabrese, va bevuto ghiacciato (a –20° C. nei caratteristici bicchierini del Capo) per esaltare le caratteristiche delle particolari erbe che lo compongono.

Il Vecchio Amaro del Capo, oggi è tra gli amari più diffusi e venduti in Italia e vanta il primato di essere stato il primo amaro ad essere stato proposto ghiacciato dagli slogan lanciati dall’azienda già a partire dagli anni ’70 quando il consumo era principalmente estivo e veniva distribuito solo in Calabria.

Come c’era da aspettarsi, la fama del Vecchio Amaro del Capo però, non poteva non oltrepassare le Alpi. Il suo consumo infatti è aumentato negli anni esponenzialmente, portando l’azienda ad aggiudicarsi diversi premi e riconoscimenti in giro per il mondo. Un successo meritato, frutto della maestria dei Fratelli Caffo e della genuinità dei prodotti utilizzati, sinonimo di eccellenza e orgoglio tutto…Made in Calabria!