E’ la stagione del Biondo Tardivo di Trebisacce: caratteristiche e ricetta gourmet

E’ la stagione del Biondo Tardivo di Trebisacce: caratteristiche e ricetta gourmet

1155
0
CONDIVIDI
Biondo-tardivo-di-Trebisacce-terroninati

A differenza di quanto possa farvi pensare il nome il Biondo Tardivo di Trebisacce non è un signore biondo un po’ attempato ma un’arancia di qualità unica che cresce esclusivamente a Trebisacce.

Il Biondo Tardivo ha origini antichissime che solo in questi anni sta trovando un grande risalto livello nazionale. E’ stato inserito infatti nei Prodotti Agroalimentari Tradizionali Italiani ed è in attesa del riconoscimento IGP.

Il nome deriva dalla sua colorazione, un’arancione molto chiaro dovuto alla particolarità dei terreni che presentano una quantità di argilla inferiore al 18% con ph compreso tra 6 e 7.

E il Tardivo? E’ la caratteristica che lo rende unico nel suo genere. Le proprietà del terreno, il tipo di coltivazione, la vicinanza al mare e il microclima permettono al frutto una maturazione che lo rende un frutto consumabile sia in primavera sia in estate.

A differenza delle altre arance prettamente invernali, raccolte e messe in frigorifero. Il Biondo Tardivo viene lasciato sulla pianta a maturare. Caratteristica che premette al frutto di assumere un delizioso equilibrio tra acidità e dolcezza uniche.

Volete un’altra caratteristica unica? I giardini in cui viene coltivati, chiamati a anche “Vigne”, sono uno spettacolo unico e visitabile. Ai piedi del centro storico in giardini che scendono verso il mare in un mix tra una vista unica e gli odori dei fiori e le arance per un’esperienza irripetibile.

aranceto-trebisacce-biondo-tardivo-terroninatiRicetta Lampo: Scaloppine al Biondo Tardivo di Trebisacce

Ingredienti:

  • 400 gr di fettine di Vitello
  • Farina
  • 1 Biondo Tardivo di Trebisacce
  • 1 Noce di burro
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale

Scaldate olio e una noce di burro in una padella capiente nel quale soffriggere su entrambi i lati la scaloppina facendo attenzione a non farla annerire.

Ora spremete il Biondo Tardivo conservandone il succo. Fate addensare il succo in una padella a fuoco lento con 1 cucchiaio di Farina e 1 cucchiaio di fecola di patate.

Una volta che il succo avrà raggiunto una certa densità, aggiungete le scaloppine e fate andare il tutto per 1 minuto. Servite guarnendo con qualche fetta d’arancia e buon appetito.

biondo-tardivo-fiori-trebisacce-terroninati